Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

0
Home / Info Salute

Colazione abbondante e ricca di proteine utile contro il diabete

Stampa
7 Aprile 2016
foto
Fare colazione con latte, yogurt e formaggio potrebbe aiutare a perdere peso e a gestire il diabete di tipo 2. Uno studio dell'Università di Tel Aviv ha infatti scoperto che una prima colazione ricca di proteine può aumentare il senso di sazietà e impedire pericolosi picchi di zuccheri nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2.

"Una colazione con proteine ad alto contenuto calorico, un pranzo di medie dimensioni e una piccola cena è una strategia di successo per le persone obese e con il diabete di tipo 2 che vogliono perdere peso", ha detto Daniela Jakubowicz, una delle autrici dello studio, presentato in occasione del meetin annuale dell'Endocrine Society, conosciuto come ENDO 2016, a Boston.

"Tuttavia, i benefici di una colazione ricca di proteine dipendono dalla fonte e dalla qualità della proteine", ha precisato. Le proteine del siero del latte, un sottoprodotto naturale del latte durante il processo di caseificazione, aiutano le persone a sentirsi più sazie. Quando confrontati con proteine provenienti da altre fonti, come le uova, la soia e il tonno, ha anche ridotto i picchi di zucchero nel sangue dopo i pasti.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno assegnato in modo causale tre diete diverse, ma con lo stesso contenuto di calorie, a 48 persone, con un'età media di 59 anni, in sovrappeso e obese con diabete di tipo due. Per 23 mesi tutti hanno seguito lo schema proposto: una ricca colazione, un pranzo di medie dimensioni e una piccola cena. Tuttavia, ogni gruppo seguiva una colazione diversa: uno ha assunto proteine del siero del latte, tramite ad esempio un frullato; un altro ha assunto altre proteine, come quelle delle uova, della soia e del tonno; e il terzo ha seguito una prima colazione ad alto contenuto di carboidrati e amidi. Dopo 12 settimane, il primo gruppo ha perso la maggior parte del peso: 7,6 chilogrammi rispetto ai 6,1 chilogrammi del secondo gruppo. Le persone del terzo gruppo, che hanno cioè mangiato carboidrati e amidi, hanno perso solo 3,1 chilogrammi. Inoltre, le persone che hanno fatto colazione con proteine del siero del latte hanno anche sentito meno fame per tutto il giorno. Questo perchè, secondo i ricercatori, queste proteine inibiscono la grelina, il cosiddetto "ormone della fame". Inoltre, il primo gruppo è riuscito meglio a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue.