Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

0
Home / Info Salute

Nel litio l'elisir di lunga vita?

Stampa
8 Aprile 2016
foto
Un comune farmaco potrebbe essere l'elisir di lunga vita che gli scienziati cercano da sempre. Il litio, a basse dosi, ha prolungato la vita dei moscerini della frutta in esperimenti di laboratorio. A condurli è stato un gruppo di ricercatori dell'Institute of Healthy Ageing della University College London.

I risultati, pubblicati sulla rivista Cell Reports, sono "incoraggianti" e potrebbero portare alla realizzazione di nuovi farmaci in grado di aiutare le persone a vivere sani e più a lungo. Attualmente il litio viene utilizzato in psichiatria per bloccare gli sbalzi d'umore, ma a dosi elevate può avere gravi effetti collaterali. Come il litio agisca sul cervello non è ancora chiaro, me nei moscerini della frutta il farmaco sembra allungare la vita bloccando una sostanza chimica chiamata GSK-3. "La risposta a basse dosi di litio che abbiamo visto nei moscerini è molto incoraggiante e il nostro prossimo passo sarà quello di esaminare il bersaglio GSK-3 in animali più complessi con l'obiettivo di sviluppare un regime farmacologico da testare sugli esseri umani", ha detto Linda Partridge, autrice dello studio. In particolare, i ricercatori hanno trovato che i moscerini che hanno ricevuto il farmaco hanno vissuto il 16 per cento in più rispetto a quelli non trattati. A dosi elevate, tuttavia, il litio ha ridotto la loro durata della vita. "Abbiamo trovato che dosi basse non solo prolungano la vita, ma proteggono il corpo dallo stress e bloccano la produzione di grasso nelle mosche con una dieta ad alto contenuto di zuccheri", ha spiegato Ivana Bjedov, altra autrice dello studio. 

 

ARTICOLI CORRELATI
Tutte le notizie di InfoSalute