Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

0
Home / Info Salute

Studio internazionale rivela l'efficacia del curry per combattere la tubercolosi

Stampa
31 Marzo 2016
foto
Un gruppo di ricercatori ha scoperto come una sostanza contenuta nella curcuma, un composto chiave del curry, sia efficace contro la tubercolosi. Si tratta della curcumina, che viene già utilizzata in Asia per trattare varie condizioni di salute per via dei suoi effetti antinfiammatori e antiossidanti.

Mentre aumentano i casi di tubercolosi resistente ai farmaci, un gruppo di ricercatori provenienti dal Colorado e dalla Cina ha individuato una sostanza che può uccidere i batteri responsabile della malattia. Questa sostanza è un ingrediente del curry: si trova all'interno della curcuma, un suo composto chiave. Si tratta della curcumina che viene già utilizzata in Asia per trattare varie condizioni di salute per via dei suoi effetti antinfiammatori e antiossidanti. La curcumina è in grado anche di indurre l'apoptosi, un meccanismo utilizzato dalle cellule immunitarie umane, chiamate macrofagi, per uccidere i batteri.

 

Nel nuovo studio. pubblicato sulla rivista Respirology, i ricercatori hanno testato in vitro l'effetto della curcumina contro il "Mycobacterium tuberculosis", il batterio responsabile della tubercolosi. Ebbene, dai risultati è emerso che questa sostanza è in grado di eliminare con successo il batterio. Secondo i ricercatori, la curcumina inibisce l'attivazione di una particolare molecola cellulare chiamata "fattore-kappa nucleare B".

 

La scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti contro la tubercolosi che sarebbero meno inclini allo sviluppo della resistenza ai farmaci. "Il nostro studio ha dimostrato che la curcumina protegge contro l'infezione causata dal Mycobacterium Tuberculosis nelle cellule umane", ha spiegato Xiyuan Bai, ricercatore dell'Università del Colorado a Denver e uno degli autori dello studio.

 

"Il ruolo protettivo della curcumina per combattere i batteri farmaco resistenti alla tubercolosi - ha continuato - ha ancora bisogno di conferma, ma se convalidato, la curcumina può diventare un nuovo trattamento per modulare la risposta immunitaria al fine di evitare la resistenza ai farmaci in caso di tubercolosi".

PRODOTTI CONSIGLIATI
Curcuma